Un pallido puntino azzurro

Carl Sagan ci ricorda qual è il nostro posto nell’universo (a volte qualcuno se ne dimentica!) e ci suggerisce di riconsiderare le responsabilità che abbiamo nei confronti di questo Pallido Puntino Azzurro che è la nostra unica casa!Il grande astrofisico e divulgatore Carl Sagan ci ricorda qual è il nostro posto nell’universo (a volte qualcuno se ne dimentica!) e ci suggerisce di riconsiderare le responsabilità che abbiamo nei confronti di questo Pallido Puntino Azzurro che è la nostra unica casa!

Le aurore polari

The Aurora from TSO Photography on Vimeo.

Il video che vi presento mostra un fenomeno davvero spettacolare: le aurore polari. Le immagini sono state realizzate in Finlandia ai confini con la Russia alla latitudine di circa 70°N. Qual è l’origine di questo affascinante fenomeno? Le aurore polari si verificano a causa dell’interazione degli strati più esterni dell’atmosfera (la cosiddetta magnetosfera) con particelle provenienti dal Sole, deviate dal campo magnetico terrestre. Ma spieghiamo più in dettaglio ciò che avviene.

E’ noto che l’atmosfera sia sempre più rarefatta con l’altitudine. In tutta l’alta atmosfera e nella parte superiore della bassa atmosfera, diversi atomi si trovano sotto forma di ioni e la percentuale aumenta all’aumentare della quota. Il fenomeno della ionizzazione è dovuto all’interazione dei gas atmosferici con i raggi X e ultravioletti provenienti dal sole e i raggi cosmici presenti nello spazio, tutti estremamente energetici. Alle alte quote gli ioni sono molto rarefatti e rimangono per molto tempo senza collidere con particelle di segno opposto e senza quindi perdere la propria carica elettrica.

Tali ioni sono però sottoposti al vento solare che è un flusso di particelle cariche, per lo più protoni ed elettroni che, a causa dell’attrazione magnetica, sono catturate, accelerate e spinte a grandissima velocità verso i poli magnetici. Quando le particelle attraversano a grande velocità i gas dell’atmosfera, urtano le particelle di ossigeno e di azoto e trasferiscono loro molta energia. Le particelle urtate riemettono l’energia assorbita in forma di luce, il cui colore dipende dal tipo di ione. L’ossigeno è responsabile dei colori rosso e giallo-verde, l’idrogeno dei colori rosso e blu, mentre l’azoto dei colori blu e violetto. Le aurore polari sono visibili di notte nelle zone di alta latitudine e si verificano tra 100 e 1.000 km di altezza.

Una "video tavola periodica" per conoscere meglio gli elementi chimici

холни маси

Ho già scritto sulle tavole periodiche (vedi), ma mi si permetta di aggiungere anche la straordinaria tavola periodica realizzata dall’Università di Nottingham. Ogni elemento è linkato ad un breve video che ne illustra le caratteristiche, gli usi, le curiosità. 

Se invece volete divertirvi ecco una simpatica tavola periodica a fumetti, rigorosamente disegnata tenendo conto delle caratteristiche di ciascun elemento. Guardate il fluoro che sta rubando l’elettrone al povero litio!

Si può vivere senza chimica?

I miei studenti, in un attacco di sconforto, dopo l’ennesimo esercizio rompicapo sulle moli, direbbero senz’altro che … si, si può vivere benissimo, anzi molto meglio, senza la chimica. C’è poi una larga fetta di società che pregiudizialmente diffida della chimica, intrisa com’è delle semplificazioni antiscientifiche di cui si nutrono i media, e che considera superficialmente ciò che è "naturale" buono tout court, "artificiale" cattivo e "chimico" addirittura veleno! Beh, come sarebbe la nostra vita senza la chimica? Questo simpatico video ci può far riflettere proprio su questo. Vi suggerisco inoltre di dare un’occhiata al bel sito di Chimicare, fonte e spunto per questo post.  

 

гардероби

L’estrazione del DNA? Un gioco da ragazzi!

Alice di 2C ha documentato l’attività di laboratorio fatta in classe quest’anno, che consisteva nell’estrazione del DNA e ha realizzato una relazione un pò diversa dalle solite, che, con un pò di ritardo (sic!), finalmente mi sono decisa a pubblicare. Il metodo è "casalingo", cioè sfrutta sostanze di uso comune, tuttavia si basa sui medesimi principi che consentono l’ottenimento di DNA puro nei laboratori specializzati.Gurdare per credere!

Su Darwin

Il mio piccolo contributo in occasione del’anno di Darwin: il video della BBC "The tree of life" tradotto e riadattato. Il video si avvale della risorsa didattica messa disposizione dal sito Wellcome Trust all’indirizzo http://www.wellcometreeoflife.orgmach-zehnder. La versione originale ha come speaker nientemeno che Richard Attenborough, tuttavia chi non mastica troppo l’inglese per il momento si dovrà accontentare. Mi rendo conto che la mia traduzione è un pò zoppicante e la voce fuori campo non è per così dire carismatica, per questo lancerei una sfida agli eventuali lettori a cimentarsi in una nuova versione migliorata e corretta: il video è bello e ne vale la pena! 

 Sullo stesso argomento riporto anche un utile documentario di Alberto e Piero Angela.

 E per finire un’intervista all’etologo Enrico Alleva sul tema dell’evoluzionismo e dell’attualità del pensiero di Darwin.